foto lettore_portatile_tessere

foto lettore_portatile_tessereOrtomercato: nuovi strumenti elettronici per potenziare i controlli ai cancelli di ingresso sulle persone e sugli automezzi in ingresso.

Sempre più legalità nei Mercati Milanesi: prosegue in un crescendo continuo l’impegno di Sogemi per il rispetto delle regole all’interno dell’Ortomercato e per debellare il lavoro irregolare.

Al via un innovativo sistema di controllo delle persone e degli automezzi in ingresso, primo nel suo genere nell’ambito dei mercati agroalimentari all’ingrosso italiani ed europei.

 

(Milano, 21 marzo 2012) – Il management Sogemi dal suo insediamento ha posto particolare enfasi nel ricercare di risolvere alcune situazioni a rischio e di illegalità, avviando una stretta collaborazione con la Prefettura di Milano, la Polizia di Stato, i Carabinieri e la Guardia di Finanza, oltre che con la Polizia Locale, cosa che ha permesso di ottenere significativi risultati anche grazie a nuovi elementi portati da Sogemi a supporto dell’attività delle Forze dell’Ordine.

E’ di oggi un incontro del Presidente di Sogemi (dott. Luigi Predeval) e dei Consiglieri di Amministrazione della Società (dott.ssa Maria Teresa Broggini Moretto, avv. Alessandro Simionato, Ing. Giorgio Mario Spatti e Ing. Paolo Angelo Zinna) con il Prefetto di Milano (dott. Gian Valerio Lombardi) per individuare ulteriori e più efficaci misure per combattere il lavoro nero e per l’adozione di procedure mirate all’assegnazione degli appalti in piena sicurezza per evitare possibili infiltrazioni della malavita organizzata, sulla falsariga di quelle adottate per l’assegnazione dei lavori per l’Expo 2015.

La Società sta rinforzando l’attività di contrasto al possibile lavoro nero delle cooperative di facchinaggio (ingaggiate dagli operatori grossisti) su due aree principali:

  1. Controllo sulle cooperative di facchinaggio per assicurare che vengano pagate regolarmente ai lavoratori tutte le ore lavorate.
  2. Controllo accessi persone e automezzi per assicurare che solo il personale autorizzato e con tessera acceda alle strutture mercatali.

 

  1. Controllo sulle cooperative di facchinaggio
  • Sono state estromesse dal mercato 2 cooperative nel 2010 e 14 cooperative nel 2011 perché non possedevano i requisiti richiesti dal Regolamento definito in seno all’Osservatorio sulla Legalità.
  •  E’ stato adottato un innovativo sistema di timbratura dell’inizio e della fine dell’attività lavorativa che, grazie ad un software sviluppato da Sogemi in collaborazione con le cooperative, permette alla Società di confrontare le ore lavorate dai lavoratori con le ore pagate in busta paga dalle rispettive cooperative.
  • Vengono effettuati assidui controlli sulla regolarità delle attività svolte dalle 10 cooperative di facchinaggio rimaste ad operare in mercato. Per due di esse, per le quali i funzionari Sogemi hanno recentemente rilevato delle anomalie in ordine alla regolarità retributiva e contributiva di alcuni lavoratori, sono in corso dei procedimenti di verifica suscettibili di concludersi con dei provvedimenti di sospensione dell’attività effettuata dalle stesse in mercato per 15/30 giorni (in caso di recidiva, la sanzione applicata potrà giungere fino alla loro estromissione dal mercato).

       2.  Controllo accessi persone e automezzi

  • Per evitare che all’interno di un automezzo autorizzato “si nascondano” persone prive di tessera, ha preso il via la sperimentazione di nuove apparecchiature portatili con lettore ottico a infrarossi che permettono al personale di vigilanza di effettuare sugli ingressi una lettura delle tessere delle persone in auto e bloccare chi non ha la tessera. L’adozione del nuovo sistema permetterà anche di rendere più fluido il traffico in ingresso nella misura in cui i passeggeri delle autovetture potranno “timbrare” l’entrata senza dover obbligatoriamente scendere dall’auto, migliorando di conseguenza anche la scorrevolezza della viabilità sulle strade limitrofe al Mercato stesso, tutto a vantaggio dei cittadini che vi transitano, a partire dai numerosi automobilisti che utilizzeranno il sottopasso di imminente apertura che collegherà Via Varsavia e i Mercati all’ingrosso con Via Bonfadini e la tangenziale della Città.

Il controllo sull’area dell’Ortomercato è complesso sia per la sua estensione (450.000 metri quadrati di superficie con una recinzione di oltre 4 chilometri di lunghezza), sia per il numero di frequentatori che abitualmente vi svolgono la propria attività professionale (oltre 3.500 persone al giorno), sia per il numero di automezzi in transito (solo per il conferimento delle merci si contano ogni giorno tra i 300 e i 500 TIR).

Si stanno studiando e concordando con gli operatori e le cooperative di facchinaggio nuove modalità di lavoro come l’allungamento/anticipo delle operazioni di scarico dei TIR per permettere una migliore programmazione del lavoro (e risparmi), meno confusione sui piazzali e più facilità di controllo da parte di Sogemi sulla regolarità delle attività svolte.

La buona riuscita delle attività di controllo attuate da Sogemi, però, non può prescindere da una sostanziale attenzione al problema da parte di tutti gli utenti del mercato, a partire dai grossisti con i quali la Società ha avviato una costruttiva collaborazione e che costituiscono la categoria di operatori maggiormente interessata a combattere ogni irregolarità per assicurare che le attività commerciali si svolgano in un contesto di sana e trasparente concorrenza tra tutti gli operatori.

Per ulteriori informazioni: Mario Losi, Responsabile Relazioni Esterne Sogemi SpA – tel. 02.55005314

 

Lascia un commento

This template supports the sidebar's widgets. Add one or use Full Width layout.